“Il metodo” mi ha insegnato qualcosa fin dalle prime ore della sua comparsa nella mia vita: infatti, dopo avermi deliziato con la lettura di sole due pagine,si è dileguato sotto il letto di un albergo di Roma e si è fatto dimenticare là, a 600 Km da casa.

Me ne sono resa conto solo in aeroporto, quando l’ho cercato in valigia per ingannare il tempo mentre ero in fila per l’imbarco.

Visto che l’aereo era in ritardo  e l’avere dimenticato il libro in albergo mi scocciava alquanto, ho deciso di ricomprarlo subito e mi sono FIONDATA nella libreria dell’aeroporto.Una volta atterrata (letteralmente, avevo anche il fiatone) di fronte  all’occhialuta commessa, le ho chiesto ” Avete il Metodo Sticazzi?”…lei mi ha guardata come si guardano le mucche al passaggio a livello…ossia con un ‘espressione fra il basito e l’assente…quindi mi sono sentita in dovere di spiegarle che no, non la stavo prendendo in giro, e per provarle la mia buona fede le ho detto il nome dell’editore, le ho consigliato di cercare il libro su internet se non mi credeva…. ma niente, è riuscita soltanto a dirmi che non l’aveva e me ne sono tornata alla mia fila a mani vuote…pensando

Sticazzi, lo riordino su BOL

Il giorno seguente ho cercato di riordinare il libro su bol ma non prendeva più la mia carta tasca ( sono finiti i soldi….MA DAI???? OCCCHESTRANO!)….e  ho pensato ”

Sticazzi, lo compro in libreria

quindi ho telefonato e visitato tutte le librerie del circondario ma NESSUNO aveva mai sentito parlare del libro!

L’insegnamento che il Metodo voleva impartirmi cominciava ad essere pesante….tutto questo portare pazienza andava ben oltre le mie possibilità!

Nonostante le avversità mi sono sforzata di pensare

Sticazzi, ricarico la carta e lo ordino su BOL, anche se ormai la settimana è finita e arriverà dopo il week end….

In quel mentre il destino mi è venuto in aiuto e mi sono aggiunta all’ordine che stava facendo su BOL il mio compagno….et voilà!

La settimana successiva il libro era di nuovo nelle mie mani.

CHE DIRE?

Prima ancora di averlo letto avevo già imparato qualcosa! Cosa si può volere di più da un libro??????

Per il resto….leggetelo.

E’ divertente, si legge in fretta, si può rileggere al bisogno e riscaldato sul calorifero prima dell’applicazione è un ottimo rimedio per il mal di testa.

Tenerlo in borsa e sbirciarlo ogni tanto durante una lunga giornata di lavoro allevia lo stress quotidiano.

Visualizzare mentalmente alcuni passaggi è utile per sopravvivere in situazioni limite in cui l’unica soluzione vi sembra quella di correre nudi per la strada urlando come pazzi al solo scopo di farvi internare in qualche istituto e porre fine alle vostre sofferenze.

Un mattino il mio figlio più piccolo si è svegliato, ha visto il libro sul comodino e mi ha chiesto ” Bello, mamma!Hai comprato un libro di supereroi??!!”.

Quasi,amore,quasi!